I bambini isolati e drogati dal web

Fonte

BOLOGNA – C’è solo uno schermo a illuminarne il mondo. La loro vita si svolge nei pochi pollici di un pc e di uno smartphone. Abusano di internet, della rete, dei social. Nei casi più gravi non escono di casa, non vanno a scuola.

Ma non si sentono isolati, stentano piuttosto a comprendere l’anomalia delle loro vite. Gli amici credono di averli: sono quelli delle chat. I successi pure: magari vincono una battaglia con orchi e draghi. Sono alibi ovviamente.

La vita vera è altrove, ma ripiombarci dentro è difficile. Sono i ragazzi che abusano di Internet e che finiscono imbrigliati nella sua rete. Sono in aumento. E possono diventare casi clinici.

All’ospedale Maggiore l’unità operativa di Psichiatria e psicoterapia dell’età evolutiva è al lavoro per aiutare i casi più gravi a riconquistare una propria normalità, uscendo gradualmente dal magico nascondiglio di Internet.

Un team di 3 medici, 2 educatori e 2 psicologi, capitanato dal neuropsichiatra infantile Stefano Costa, segue 200 ragazzi l’anno in difficoltà: il 13% soffre della sindrome del ritiro, non esce di casa, non ha relazioni sociali.

Il 30% ha dipendenza da pc. «È un fenomeno in aumento — racconta Costa — e, secondo gli ultimi studi inglesi in materia, coinvolge il 10% della popolazione tra gli 11 e i 18 anni». In Italia i ragazzi ne soffrono già alle scuole elementari e medie, sono prevalentemente maschi, con una bassa stima di sé e con qualche familiarità con la depressione.

Dietro all’uso compulsivo di pc e smartphone si nascondono normalmente depressione, ansia sociale, scompensi psicologici, disturbi post traumatici da stress. Il meraviglioso mondo di internet «più che la causa, è l’aggravante di un problema già in essere», quindi.

Per capire la gravità del disturbo viene in aiuto un manuale che fornisce i criteri diagnostici della malattia: dai sintomi tipici dell’astinenza (malessere, irritabilità, ansia, tristezza), all’aumento esponenziale del tempo trascorso davanti al pc, passando per i tentativi infruttuosi di distacco, la perdita d’interesse verso i precedenti interessi, l’inganno dei familiari sul tempo trascorso digitando, l’utilizzo dei giochi per mitigare gli stati d’animo negativi, fino all’aver perso o messo a repentaglio un’opportunità lavorativa, formativa o ancora una relazione.

Più che navigare su internet, è il gioco a creare dipendenza. Perché dà soddisfazione, fa sentire il ragazzo vincente. Al contrario «quello con i social più che una dipendenza è un abuso — chiarisce Costa —, chi non ha relazioni reali ne crea di virtuali con persone che non ha mai visto accrescendone il valore e l’importanza». Per evitare che i ragazzi si rifugino in un mondo irreale, ci sono fattori protettivi che aiutano.

«Un clima familiare positivo e il sostegno di una rete sociale, come svolgere attività di volontariato, coltivare interessi, leggere, fare sport — spiega Costa —. Limitare non basta e non deve essere solo la famiglia a preoccuparsi del problema: il discorso deve essere affrontato anche a scuola preventivamente».

L’uso di Facebook è molto diminuito tra i ragazzi, che oggi come social preferiscono Whatsapp o Instagram o ancora Ask. «Possono creare forti elementi di esclusione, a un soggetto sensibile fa malissimo, ad esempio, essere tagliato fuori dalle tante chat che si creano e che coinvolgono altri ragazzi».

I genitori che riscontrano sintomi preoccupanti possono rivolgersi al consultorio famigliare o al pediatra o al medico di famiglia.

Il team del dottor Costa lavora nei casi più gravi con un day service: i ragazzi arrivano la mattina in ospedale e tornano a casa la sera perché «è importante che abbiano un luogo diverso per aprirsi».

Il recupero non è veloce, ci può volere anche un anno. «Ma l’età evolutiva, fortunatamente, è permeabile al cambiamento — conclude Costa — e dopo qualche mese il problema può essere risolto».

Share:

Rispondi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Seguici sui nostri Social! =)