Saldi al via in Sicilia con un giorno d’anticipo sul resto d’Italia

Per la prima volta dal dopoguerra ad oggi i saldi partono di venerdì, in virtù del decreto regionale dell’assessore alle Attività produttive Mariella Lo Bello. Ottimismo da parte dei commercianti: «Contiamo di raggiungere almeno gli stessi risultati dell’anno scorso» ha commentato Salvatore Zambito, vicepresidente di Federmoda Palermo

Partono oggi i saldi estivi in Sicilia, con un giorno d’anticipo rispetto al resto d’Italia, in virtù del decreto regionale dell’assessore alle Attività produttive Mariella Lo Bello. È la prima volta dal dopoguerra ad oggi che la campagna di sconti estivi inizia di venerdì e non di sabato, ha fatto sapere l’ufficio studi di Confcommercio Palermo.

Nel prologo ai saldi che i negozianti hanno effettuato durante il mese di giugno con campagne di direct marketing rivolte della clientela fidelizzata attraverso e-mail e sms si sono raggiunti buoni risultati: «Le promozioni liberalizzate dalla Regione ci hanno salvato dalla crisi. Le vendite a giugno sono andate bene. Possiamo dire che siamo ormai fuori dalla recessione»: lo ha detto Salvatore Zambito, vicepresidente di Federmoda Palermo.

Secondo la Confcommercio le famiglie siciliane spenderanno in media 150 euro per assecondare i desideri dei loro componenti, mentre la stima di Federconsumatori Palermo è di 113 euro: «Solo una famiglia su tre approfitterà delle vendite scontate», avverte il presidente provinciale Lillo Vizzini, il quale consiglia anche di diffidare dalle promozioni con sconti superiori al 50%.

Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, si tratta di merce degli anni passati.

Share:

Rispondi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial