Dal 24 al 28 giugno la settima edizione del Taobuk

TAORMINA. Si terrà  dal 24 al 28 giugno 2017,  Taobuk, il Festival Internazionale del libro, giunto alla settima edizione, che avrà come centro la letteratura, in dialogo con il cinema, la musica, il teatro, le arti visive, il grande giornalismo e l’enogastronomia.

La serata inaugurale di sabato 24 giugno, si svolgerà  nel Teatro Antico di Taormina alle ore 20,30.  E’ pevista la cerimonia di consegna dei Taobuk Awards, quest’anno assegnati agli scrittori Abraham Yehoshua e Domenico Starnone (Taobuk Award for Literary Excellence), al magistrato e saggista Nicola Gratteri (Taobuk Award all’impegno civile), al regista Gianni Amelio (Taobuk Award per il film “La tenerezza”), agli attori Luigi Lo Cascio (Premio Una vita per l’Arte) e Christian De Sica (Premio come protagonista del film “Fräulein”).

Conferenza stampa di presentazione della settima edizione del Taobuk

 

Il soprano Daniela Schillaci aprirà la serata con l’esecuzione dell’aria Casta diva dalla Norma di Vincenzo Bellini. A concludere la cerimonia sarà invece l’artista israeliana Noa che si esibirà in concerto con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, diretta dal maestro Domenico Sanfilippo. La serata sarà condotta dal giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, presidente Taobuk. Danno il proprio contributo al format della serata gli autori Federico Zatti e Valerio Callieri, il direttore della fotografia Gianluca Fiore e il direttore di scena Sara Scotti.

Il tema di questa edizione è “Padri & Figli”. Cosa abbiamo ricevuto in eredità e cosa vogliamo rendere alle generazioni future, in quel delicatissimo passaggio del testimone che si chiama civiltà? ‘Chi sono’ ergo ‘da dove vengo’? Sono solo alcune delle domande attorno a cui ruoterà il tema della prossima settima edizione di Taobuk, che affronterà la questione della trasmissione di saperi e identità, laddove la figura del padre è intrinsecamente correlata a quella del maestro.


Tra le infinite declinazioni del tema di Taobuk 2017 – afferma Anthony Emanuele Barbagallo, Assessore Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana – sottolineerei il legame, l’identità forte e indissolubile che deriva dall’appartenenza al suolo in cui si è nati o si è scelto di vivere. In ciò la Sicilia ha molto da dare ai suoi figli, e i migliori di essi sanno ricambiarla, esaltandone le bellezze naturalistiche, lo straordinario patrimonio di beni culturali e monumentali, onorando il suo retaggio di letterati e artisti, emulando esempi di coraggio e impegno civile. L’Assessorato regionale al Turismo, che ho l’onore di guidare, promuove in Taobuk questo amore filiale verso un’Isola che è da sempre culla di civiltà.”

Padri e figli. Maestri e allievi. Vecchi e giovani. Nell’ampia riflessione suggerita da Taobuk 2017 – osserva Eligio Giardina, Sindaco di Taormina – non campeggia solo l’idea della trasmissione e del passaggio di valori e saperi, ma emerge altresì la responsabilità che è sempre connessa alla gestione di un’eredità morale e materiale. L’Amministrazione comunale ha sostenuto, anno dopo anno, il festival creato da Antonella Ferrara. Ne ha valutato con rigore il progetto mirato alla riscoperta della Taormina letteraria e artistica, ne ha condiviso la missione di esaltare l’esprit internazionale della città, ne ha colto l’entusiasmo verso il lascito dei padri e la consapevolezza di innestarlo nel presente.”

Anche quest’anno Taobuk ritorna a Taormina ponendo al centro del ricco programma un tema, insieme antico e contemporaneo – dichiara Carlo Vermiglio, Assessore Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana – che, a partire dalla narrazione del mito, è stato, nel corso del tempo, ampiamente declinato e discusso in tutti i rami della cultura. L’Assessorato Regionale dei Beni Culturali ha, con convinzione, sostenuto e promosso il Taormina Book Festival che, giunto alla settima edizione, si conferma uno spazio aperto in cui si confrontano protagonisti di levatura internazionale della letteratura e dell’arte tessendo dialoghi e narrazioni in questa terra da sempre crocevia fecondo di incontri e scambi di idee e culture.”

Non una, ma due edizioni di Taobuk proporrei di allestire ogni anno a Taormina. Non sembri facile entusiasmo il mio. – afferma Italo Mennella, Presidente Associazione Albergatori Taormina – Alla base di questa proposta c’è la consapevolezza dei passi da gigante che la manifestazione ha compiuto nel corso delle sue sempre più ricche e belle edizioni. A spingermi ad auspicare uno sviluppo ancora più ampio del festival è soprattutto la condizione che esso riassuma in sé, come meglio non si potrebbe, lo spirito della città per cui la kermesse letteraria è stata concepita. Parlo di un’adesione esemplare all’esprit di Taormina, al suo fascino incantevole che ha sedotto non solo letterati ma altresì musicisti, pittori e artisti celebri in ogni campo.”

Ogni progetto è figlio di una proiezione, di un desiderio e di una visione che si affinano sino a diventare presente, portando immancabilmente a compimento una sfida. – spiega Antonella Ferrara, Presidente di Taobuk – Quella che accogliamo il 24 giugno è l’edizione che segna una svolta, frutto del processo di affermazione e progressivo consolidamento di un’identità riconosciuta al Festival. Un’efficace programmazione culturale non può essere scissa da una felice sinergia con i principali attori del territorio, e di questo non posso che ringraziare in primis l’Assessorato Regionale al Turismo che ha fortemente sostenuto il Festival come fiore all’occhiello della proposta turistico-culturale siciliana. Giugno e non più settembre è il periodo che vedrà lo svolgersi del Festival, l’inizio e non la fine della stagione turistica siciliana con la programmazione di importanti eventi-anteprima nei mesi precedenti. Taobuk torna ad essere il vettore di una potente esperienza collettiva, il desiderio condiviso di ritrovarsi insieme, dentro e fuori dal tempo, per incrociare gli sguardi e le sensibilità di tutti in un progetto che vive e si alimenta del desiderio di partecipazione di ciascuno.”

 

Share

Rispondi

Share