Orestiadi di Gibellina, il gran ritorno

Perché sono così preziose le Orestiadi di Gibellina? Perché sono l’unico festival siciliano di spettacolo contemporaneo (teatro, musica e danza) che ha una propria definita identità, una storia e una indiscutibile proiezione nazionale e internazionale. Non è poco e possiamo facilmente immaginare quanto sia difficile per Claudio Collovà, che lo dirige, tenerlo in piedi. È stata presentata qualche giorno fa a Palermo la XXXVI edizione di questa importante manifestazione e ancora una volta, sebbene sarebbe bello registrare il ritorno delle produzioni, scopriamo un sorprendente mosaico di proposte. Ecco il calendario dei principali eventi teatrali: Si parte sabato 15 luglio con Peppe Servillo e il Pathos Ensemble ne L’histoire du soldat; domenica 16, la Compagnia Marionettistisca Fratelli Napoli di Catania presenterà La tragedia di Macbeth.

Giuseppe Pambieri rende omaggio a Pirandello con Centomila, uno, nessuno il 19 luglio, con una produzione catanese di Teatro della Città. Il coreografo Roberto Castello presenta Trattato di economia, il 21 luglio, instaurando una intesa unica con Andrea Cosentino, così da generare una molteplicità di linguaggi scenici ovvero un Coreocabaret confusionale sulla dimensione economica dell’esistenza. Cosentino inoltre presenta, con la regia di Andrea Virgilio Francesci, Not Here Not Now il 22 luglio in un assolo comico che interroga la poetica di Marina Abramovič. Il 26 luglio l’interessante lavoro della Piccola Compagnia della Magnolia che debutta con la prima di Adagio Nureyev e il giorno seguente presenta 1983 Butterfly in coproduzione con il Festival delle Colline Torinesi. Lo spettacolo Binnu Blues. Il racconto del codice Provenzano di e con Vincenzo Pirrotta, con musiche dal vivo di Charlie Di Vita, va in scena venerdì 28 luglio. Il 2 agosto viene presentata la prima nazionale di Sara scritto e diretto da Ersilia Lombardo. IL 5 agosto, in prima nazionale, Maledetti di Salvatore Cantalupo per il Teatro del Sottosuolo di Carbonia. Il 6 agosto Un mondo raro di Fabrizio Cammarata e Antonio Di Martino, spettacolo-concerto sulla vita di Chavela Vargas. Martedì 8 agosto, Lingua di Cane della Compagnia dell’Arpa di Enna, regia di Giuseppe Cutino e Sabina Petix.

La danza internazionale infine è presente con la Compagnia Zappalà, il 10 agosto con lo spettacolo Romeo e Giulietta 1.1. e, con i 10 miniballetti di Collettivo Cinetico l’11 agosto.

Share:

Rispondi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial