Naso Art Fest, la tradizione che verrà

Presentato all’Enoteca Provinciale di San Placido Calonerò a Messina il calendario degli eventi del “Naso Art Fest” in programma il 21 e 22 luglio prossimi. All’incontro hanno partecipato l’assessore al Turismo del Comune di Naso, Filippo Massimiliano Rifici, il Consigliere comunale di Naso Rosita Ferrarotto e la studiosa di tradizioni musicali Oriana Civile. Saranno due giorni incentrati sull’identità artistico-culturale siciliana e sulla valorizzazione delle eccellenze che caratterizzano la Città di Naso. Piazze e scalinate del centro storico verranno adibiti a palcoscenico naturale. Il ricco programma prevede momenti musicali che echeggiano nei canti di interpreti, autori, appassionati studiosi di tradizioni musicali siciliane; nell’armoniosa rappresentazione dei movimenti del corpo. Il laboratorio di Arte Maiolicara, a cura del maestro ceramista Pier Luigi Scardino, guiderà i partecipanti alla conoscenza dello stile e dei colori che da secoli caratterizzano la ceramica nasitana e all’applicazione delle tecniche maiolicare in chiave moderna.

La mostra di Antiche Immaginette Sacre della collezione privata di Aldo Cumia e la mostra di Antichi Paramenti curata dalla Parrocchia SS. Filippo e Giacomo impreziosiscono l’esperienza del visitatore. Nello ,spirito della riscoperta delle proprie radici, il défilé Abiti da sposa nel tempo, curato da Jessica Conti Nibali e dall’A.S.C. Cresta, fa rivivere le emozioni del giorno più bello, dai tempi dei nostri nonni fino ad oggi. È già partito il concorso fotografico ArtClick, i cui prodotti, secondo il bando che lo regolamenta e che si trova sul sito www.nasoartfest.it, dovranno “esprimere significativi aspetti del patrimonio presente sul territorio
comunale e devono riflettere l’inscindibile significato della vita”. Non mancano musica e spettacoli, la cui direzione artistica è affidata ad Oriana Civile. Le scelte della direzione artistica sono orientate alla qualità ed alla valorizzazione delle tradizioni e dell’identità culturale. Numerosi, infatti, gli artisti strettamente legati al Paese che li ospita in questa due giorni di festa e allegria. Ad impreziosire il cartellone tanti altri eventi.

Lo scrittore Pietrangelo Buttafuoco, che presenta il suo ultimo libro I baci sono definitivi (Collana Oceani, Milano, La Nave di Teseo, 2017); i cantastorie storici Fortunato Sindoni e Mauro Geraci, che riempiono l’aria con le loro storie di ieri e di oggi; Angelo Sicilia e i suoi pluripremiati Pupi Antimafia, chiaro messaggio di impegno civile; il cantautore umbertino Renato Merlina e le sue ballate su fatti e personaggi locali; Jessica Conti Nibali, modella e finalista Miss Mondo Italia; Le Matrioske, quartetto che unisce le musiche e le danze del Sud Italia a quelle del Folk europeo; il regista nasitano Francesco Lama con la proiezione del suo film I Siciliani; il cantautore orlandino, ma d’origine nasitana, Marco Corrao che esporta le sue radici con numerosi tour internazionali ed importanti collaborazioni; il Trio Classico, composto dai Maestri Daniela Giaimo (flauto), Giuseppe F. Corpina (clarinetto) e Michele Saccone (fagotto), che si esibisce nella location più suggestiva di tutto il festival: il Museo d’Arte Sacra sito nelle catacombe del Tempio dedicato a San Cono, luogo di culto per eccellenza del cittadino nasitano; Oriana Civile, studiosa delle tradizioni musicali della terra di Sicilia, interprete unica del repertorio musicale di tradizione orale della sua terra.

Share:

Rispondi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial